IL SISTEMA

Ad ogni individuo corrisponde una sorta di “ Stato Ordinato ”: tale condizione rappresenta la transizione del singolo in attesa di giungere all'Ordine Massimo. Il libero arbitrio muove l'individuo verso un più comodo livello di disordine , meno caotico di quello temporaneamente occupato: solo in particolari circostanze, che più avanti verranno trattate, tale livello non può essere raggiunto.

Ogni decisione presa dall'individuo, per quanto apparentemente priva di vincoli, viene determinata da Fato, Volontà e Costrizione : la prevalenza di un singolo fattore sugli altri, insieme a Precisione ed Accuratezza degli stessi possono più o meno condurre al risultato cercato.

Il grado di partecipazione del singolo incide maggiormente rispetto a Precisione ed Accuratezza del singolo; le due variabili incidono allo stesso modo solo in caso di equa co-partecipazione.

Le possibili evoluzioni del proprio ”Stato Ordinato” sono quattro, in dipendenza di Precisione ed Accuratezza con cui Fato, Volontà e Costrizione inducono a scegliere:

•  Una SCELTA ACCURATA e PRECISA porta al raggiungimento dello “Stato Ordinato Massimo”, chiamato “Pace dei Sensi”;

•  Una SCELTA NON ACCURATA, ma PRECISA non comporta variazioni del proprio “Stato Ordinato”, che rimane immutato (“Non Evoluzione”);

•  Una SCELTA ACCURATA, ma NON PRECISA fa evolvere, secondo natura, l'individuo, ad uno Stato superiore, corrispondente ad un livello di disordine inferiore rispetto a quello precedentemente occupato;

Una SCELTA NON ACCURATA e NON PRECISA corrisponde alla scelta sbagliata che comporta una “De-evoluzione” verso uno stato di disordine superiore ed un conseguente allontanamento dallo “Stato Ordinato Massimo”.

Il Tulipano Nero